martedì 17 marzo 2015

Bandite la paura (e ringraziate la malattia)

La paura è un meccanismo previsto dalla natura tant’è che ogni animale selvatico e, in minor misura, domestico ne è provvisto. Essa ha un ruolo fondamentale: quello di tenerlo sul “chi vive” per sopravvivere ai pericoli che lo circondano. Osservate il comportamento di un gatto, di un cane o di qualunque animale: le sue orecchie sono in continuo movimento, attente a ogni minimo bisbiglio e il suo naso “sente”, “fiuta” in continuazione i messaggi della natura e i potenziali nemici.
La paura è il solo mezzo che possiede per difendersi dalla “morte” e per evitare i pericoli sempre in agguato. In natura tutto è straordinariamente semplice: se stai attento sopravvivi, altrimenti muori.
All’inizio l’animale uomo beneficiava degli stessi meccanismi che, col trascorrere del tempo e nonostante i mutamenti. Sono restati quale arcaico retaggio della memoria del tempo che fu.

Oggi le istituzioni ci difendono dai pericoli provenienti dai nostri consimili, le leggi ci impediscono tutto ciò che a ragione o torto considerano nocivo, i genitori infine ci proteggono anche dopo la pubertà per soddisfare inconsciamente il loro egoismo, considerandoci per la vita una loro proprietà. Gli uni e gli altri, così, ci hanno addormentati nell’illusione che qualcuno sia sempre pronto a vegliare su di noi. Il risultato è un’umanità che ha perso l’orientamento e si affida ad altri senza pensieri. Ma costoro hanno deciso di sfruttare l’antico sentimento di paura per il loro tornaconto.

Poiché la paura ci avverte di un pericolo, va da sé che, se il pericolo non c’è, la paura non si manifesta e allora il potere ha sviluppato delle tecniche mediatiche per tenerla sempre viva.
telegiornali sono un elenco di catastrofi che si susseguono: l’AIDS avanza a passi da gigante, l’aviaria miete vittime, poi è la volta della peste suina, il pianeta si surriscalda, siamo periodicamente sull’orlo di un crack finanziario. Ma c’è un aspetto più sottile relativo alla paura e che è tipico dell’essere umano: poiché essa per vivere ha bisogno della controparte pericolose abbiamo paura di qualcosa creiamo noi stessi il pericolo così da giustificare il nostro timore.
Mi spiego meglio con un esempio che può forse aiutare i malati: ci hanno inculcato che i marker tumorali aumentano al manifestarsi di una neoformazione. Ho un tumore, mi sottopongo alle cure del caso e faccio i miei esami di controllo; tutto va per il meglio. Finalmente ne sto uscendo e mentre saluto il medico e mi avvio all’uscita dello studio, ecco la frase sibillina <<Per tranquillità facciamo un controllo dei marker tra un mese>>. Parole apparentemente innocue ammantate di scrupolo professionale e nel nostro esclusivo interesse, ma un tarlo guastafeste inizia a trapanarmi il cervello e mette in moto il meccanismo della paura per i giorni che mi separano dal prossimo controllo: <<E se i marker salissero di nuovo? >>. Poiché la paura per esistere ha bisogno della controparte di pericolo, ecco che i marker si mettono effettivamente a galoppare! In fisica quantistica si sono resi conto già da molto tempon che l’osservatore influenza il comportamento della particella osservata!

Perciò, bandite la paura, ringraziate la malattia che vi racconta la vostra storia e poi invitatela a levare le tende : <<Grazie, ho capito, sei stata gentile, ma ora vattene da un’altra parte, che non ho più bisogno di te>>!

Tratto daCome portare alla luce la realtà nascosta della malattia - La medicina del futuro, di Giorgio Mambretti.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

nota personale:

La vita viene così come la “prendi”

Siamo immersi in un ambiente ostile appositamente creato per svilirci e indebolirci, ci ritroviamo a dover affrontare situazioni pericolose di ogni genere:
  • i cibi, anche i più salutari, e l’acqua sono contaminati e risultano dannosi;
  • l’aria è satura di composti di ogni genere tesi al nostro indebolimento e trasformazione;
  • la società è stata deliberatamente strutturata con regole(leggi-economia-istruzione-religione-ecc) contrarie al comune buon senso ed è quindi diventata nociva;
  • le nostre menti sono costantemente plagiate tanto che non siamo più padroni delle nostre emozioni e dei nostri desideri
  • se ci dovessimo ammalare poi solo in pochi si occuperanno di noi e, seguendo i criteri ufficiali, non ci guariranno, ma ci cureranno soltanto, magari a vita; ecc. ecc.
Purtroppo la lista delle situazioni inappropriate ad una vita che possa definirsi tale è lunga e non può essere neanche conosciuta nella sua complessità, almeno non da me, sorge quindi una domanda che costantemente ci accompagna:

Come facciamo a vivere meglio in un mondo del genere?
Le paure, le colpe, le insicurezze che scaturiscono dal vivere in tale ambiente quasi sempre sono vissute come insuperabili, schiaccianti, oppressive e deprimenti; dette percezioni determinano la quasi totalità delle compensazioni inconsce(leggasi malattie), ora però bisognerà pur vivere in qualche modo in questo ambiente ostile, in caso contrario cosa pensate che ci sia in serbo per chi trascorre l’esistenza come il sistema-bestia anela?

Le ipotesi di scelta fortunatamente non sono tante, io personalmente ne vedo solo due: vivere con la paura o reagire con forza/volontà.
Scegliendo di vivere con paura potremo rimanere in una situazione di inoperosità certi che le nostre condizioni e quelle dei nostri cari, non faranno altro che peggiorare continuamente e non vedremo mai uno spiraglio di “vita”, ma solo e soltanto sofferenza, sarebbe anche sensato vivere in questo senso se ciò servisse a migliorarci l’esistenza;

Scegliendo di reagire e vivere con volontà necessariamente comporterà un dover darsi da fare per comprendere chi siamo veramente, cosa ci stiamo a fare su questo meraviglioso pianeta vivente e perseguire ostinatamente la via dell’ottimismo e dell’azione, senza mai mollare, anche perché l’altra non è di fatto una scelta, ma una vera e proprio resa al male e rinuncia al buono.
Insomma possiamo scegliere consapevolmente o continuare a vivere inconsapevolmente senza farci carico di responsabilità che non sono imputabili a noi, cosa che potrebbe anche essere vera in quanto non siamo mai stati consapevoli di come andava il mondo, ma lo saremo se non facciamo niente per opporci/migliorarlo.
Se continuiamo ad adagiarsi sul morbido di un’illusione alla quale vogliamo disperatamente credere sarà difficile attuare dei cambiamenti nella nostra vita e nel mondo intero, in caso contrario ci dobbiamo dare parecchio da fare.

Con la paura non si ottengono risultati, si continuerà a collezionare insuccessi, ansie, insicurezze, colpe e non si avranno le energie sufficienti a reagire, rimanendo intrappolati in una situazione di profondo disagio psico-biologico, quello squilibrio alla base di ogni patologia, bisogna tenerlo sempre a mente questo.
Vivendo nell’azione e nell’ottimismo ci potrebbe capitare di godere ed apprezzare il momento in cui stiamo vivendo senza lasciarci avvilire dalla situazione circostante e di conseguenza le nostre azioni saranno contagiose della nostra vitalità e la malattia ci starà alla larga.

Non dimentichiamo neanche che la nostra assenza dal “qui e ora” è una delle cause principali dei nostri problemi in questi tempi; ci affanniamo e struggiamo così tanto per il futuro tanto da impedirne la sua realizzazione, ci arrovelliamo costantemente nei dolori del passato tanto che non riusciamo a scorgere il presente. Poi, come se non bastasse, ci riteniamo come esseri separati, a se stanti, invece di cogliere la profonda unione tra tutte le cose. Tutto questo non fa altro che allontanarci da quella vita serena e gioiosa a cui tanto aspiriamo.

Ne abbiamo vissute fin troppe di paure, ne abbiamo espiate a dovere di colpe, anche non nostre, siamo stati abbondantemente sopraffatti da tante insicurezze, sarebbe ora di dire basta, sarebbe ora di provare qualcosa di diverso, chissà se questo pensiero positivo di cui tanto si parla non potrebbe generare un qualche risultato diverso dal solito tram tram quotidiano.
Va bene scegliere qualsiasi metodo che riteniamo utile(alimentazione, sport-religione-hobby-ecc) per migliorare il nostro stato di benessere, ma ben più importante è comprendere che esso dipende maggiormente da come ci poniamo alla vita, la nostra mente, le nostre percezioni e le convinzioni sono alla base della nostra salute/serenità

Smettiamola a fare le solite persone(maschere), riscopriamo il nostro essere individui, ritorniamo ad essere quegli esseri unici che siamo sempre stati e infondiamo negli altri la forza che sostiene la vita…..l’Amore. 
Se non comprenderemo con l’esperienza che siamo venuti a gioire, a sperimentare l’amore, a condividere la vita per evolvere verso una meta spirituale, difficilmente potremmo abbracciare un nuovo modo di essere.

Vivere sperimentando l’attimo e cogliendo il “buono”, che ormai non riusciamo più a vedere in questa buia società, richiede tanta voglia di vivere; noi ce l’abbiamo?
Marcello Salas

ARTICOLI CORRELATI:
La vita va vissuta e non combattuta
Il mondo esterno è il riflesso del nostro mondo interno
Ciò che accade va bene

3 commenti:

  1. Bel discorso scritto molto bene. complimenti.

    RispondiElimina
  2. Fantastico!...mi sembra di essere stata letta dentro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio motto é : voglio vivere bene e serena senza patemi d'animo e amandomi nei limiti del possibile! Buona notte a tutti!!

      Elimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...