domenica 30 ottobre 2016

Nell'antichità sapevano come fermare i terremoti, poi la Chiesa...

Nell'antichità si sapeva come fermare i terremoti, in Italia avevamo i Dolmen e Menhir, ma poi la Chiesa li fece abbattere

I Dolmen e i Menhir sono tra i più antichi monumenti esistenti, databili addirittura al neolitico.

I più famosi dolmen e menhir del mondo si trovino in Irlanda, a Stonehenge, essi siano sparsi per tutta l’Europa, specie Occidentale, ma esistono molti esemplari anche in Africa e in Asia, legando terre lontane e culture agli antipodi, con un sottile filo invisibile che si snoda e si aggroviglia per tutto il Pianeta. 
Sebbene la massima concentrazione di Menhir si abbia nell’Europa Occidentale, specie in Bretagna e nelle Isole Britanniche esistono diversi esemplari di Menhir anche in Italia. Sorprendentemente, la regione che detiene il primato della maggior concentrazione di Menhir, è la Sardegna con ben 100 Menhir sparsi su tutto il territorio.

Lo scienziato Ighina in un'intervista del 1990, ci diede preziose informazioni riguardo i Dolmen e Menhir:

"Di questi Dolmen e Menhir in Francia è pieno, 
avete mai sentito in Francia un terremoto?...
Da quando io son nato e ora ho 82 anni (1990) niente.

In Italia c'erano, gli hanno levati, 
per quello sono venuti fuori i terremoti... 
Queste cose sembrano fasulle, ma sono importantissime, 
perché seguono il principio del ritmo sole-terra."

Perché in Italia queste costruzioni megalite vennero levate? Per superstizione, in quanto la Chiesa li considerava templi pagani e quindi diede ordine di abbatterli, non avendone mai compreso il loro uso.
In parole semplici, per spiegarlo anche ai principianti, Ighina diceva che questi megaliti, queste grandi pietre, erano state posizionate nell'antichità con lo scopo di riequilibrare l'energia magnetica terrestre (negativa) e quella solare (positiva), perché quando avviene un terremoto significa che c'è energia terrestre negativa in eccesso e questa accumulandosi sotto terra, da origine appunto ai terremoti.

Così la sapienza antica inventò i Dolmen e Menhir, uno con lo scopo di accumulare l'energia solare e portarla sotto terra, l'altro con l'ovvio scopo di far fuoriuscire, attraverso l'enorme pietra a punta che punta verso il cielo, l'energia terrestre accumulatasi in eccesso, riportando così l'equilibrio.

Ighina da queste osservazioni, ne tirò fuori la sua famosa "Valvola dei terremoti", di dimensioni molto più ridotte, ma ugualmente efficace.

Per capirne di più sui terremoti e come fermarli, vi consigliamo di guardare questo video inedito dal minuto 38.00, quando Ighina parla di terremoti e di come è riuscito a fermarli:

Pierluigi Ighina Imola 1990

Per approfondire l'uso dei Dolmen e Menhir per fermare i terremoti leggi anche: http://www.fortunadrago.it/2522/menhir-dolmen-co/

sabato 29 ottobre 2016

Politica: macchina dell’illusione e del controllo.

Politica: macchina dell’illusione e del controllo.
A “pelle” non ho mai amato la politica, ho sempre avuto un forte sentore di imbroglio, di impostura, di menefreghismo verso la gente e di grandi interessi personali.
L’ultima frontiera dell’illusione è quella di farci credere di poter risolvere i problemi creati dalla politica o dalla stessa celati, con la politica stessa, è assurdo! Di fatto però ci hanno portato a credere che sia fattibile, ma quel che è peggio e che in realtà non ci hanno fornito alternative ad essa, ma sarà vero?

Non mi intendo di politica, ma non sono “cieco”, è indiscutibile il teatrino che fanno tutti i politici, nessuno escluso: distraggono con bei discorsi, intrisi di coinvolgimento e celate mistificazioni, zeppi di soluzioni importanti a problemi futili contornati da parole eclatanti e suadenti, ma le cose serie, quelle veramente serie quando si affrontano?

Continuamente sento che vogliono tagliare le spese alla politica, vogliono tagliare gli stipendi alla politica, vogliono dare un contentino ai più poveri, vogliono proporre questo o quell’altro stratagemma che guarda caso tiene incollati mentalmente gli elettori verso un miglioramento pressoché nullo della vita del singolo cittadino.
Insomma a me poco importa se il politico di turno prende 5 mila o 2 mila €, poco importa se ce ne sono 300 o 150, se hanno la scorta o meno, a me povero cittadino importano in realtà altre cose, tutte cose promesse ma finora mai mantenute.
Al povero cittadino schiavo come me basterebbe avere un degno lavoro che gli consenta di vivere dignitosamente e una reale tutela della sua salute e sicurezza sotto ogni aspetto, poi pian piano si potrebbe pensare a tutte le altre questioni che non vanno, tutte praticamente.

Ora, partendo dalle cose molto semplici, ditemi la politica fino ad oggi cosa ha dato al suo elettore, al suo cittadino sostenitore? Lo ha fatto vivere meglio realmente con un degno reddito e tutelando la sua incolumità(salute e sicurezza) o lo ha costantemente vilipeso, illuso, ingannato e distratto?

Ma queste erano le problematiche spicciole, ma volendo andare più sul sodo mi chiedo quale politico ha lottato per l’immediata risoluzione degli ormai intollerabili problematiche a livello locale e globale come:
·       la geoingegneria e la manipolazione climatica;
·       la sovranità monetaria;
·      la salute, quella vera.

O ancora:
·       la totale assistenza sanitaria;
·       il lavoro per tutti;
·       delle norme valide per tutti;
·       l’abolizione delle missioni di pace(cioè guerre);
·       l’incentivazione delle economie locali invece di quelle globali.

Ora che io sappia non mi risulta che qualche volenteroso politico stia lottando tenacemente per ottenere dei cambiamenti sullo status quo di nessuna delle citate problematiche, poi volendo se ne possono aggiungere molte altre. Pare invece che le prime tre vengono evitate come la peste per le altre invece le false promesse si susseguono giorno per giorno.  
Quei pochi che ci hanno provato sono stati messi alla sbarra, ignorati o son dovuti andar via.

Insomma in sintesi nessuno sta facendo assolutamente nulla per un reale e davvero utile cambiamento in ogni direzione per l’essere umano di questo e di altri paesi, tutti fanno la stessa parte nel teatrino politico tergiversando su problemi a dir poco secondari e distraendo il popolo da quelli veri ed attuali, quindi che ci stanno a fare?
Quel che è più grave è che la gente gli va ancora incontro. E parlo di elogiare quei nuovi politici, giovani ed emergenti, che hanno tanta voglia di fare che però dati alla mano forniscono soluzioni e lottano solo per delle semplici quisquilie che non migliorano la vita a nessuno.

Sento spesso parlare che Renzi viene denigrato e insultato quando va in molte città e non posso che concordare, ma nessuno si accorge che è solo un capro espiatorio? Si dovrebbero trattare allo stesso modo anche i moderni idoli politici per quello che di fatto non stanno facendo, non elogiarli per quelle cretinate che spacciano per utili o addirittura essenziali al paese.
Le problematiche veramente serie sono altre e chi vorrà il mio rispetto dovrà dimostrare di fare qualcosa di veramente utile per il popolo, per la mia vita presente e futura; non me ne frega nulla se si abbassa lo stipendio o altro, se si dimezzano i senatori, chi farà le leggi, mi interessa un cambiamento reale non una presa per i fondelli.

Ci vogliono far credere che la politica è l’unico strumento democratico(?) con cui risolvere i problemi, ma non è così, non deve esserlo, se così fosse siamo già morti, non è uno strumento per il popolo ma contro di esso e come al solito ci fanno credere il contrario.

La politica è il più astuto inganno. La politica è la macchina dell’ingiustizia, è la macchina dell’illusione e del controllo, è la sottrazione, diabolicamente pianificata, del potere del popolo, è il braccio del cattivo padrone e si sta rendendo sempre più indipendente dal popolo sino a quando ne farà a meno in maniera ancora più spudorata!
E’ lo strumento con cui mi tengono saldamente attaccato a questa misera realtà impendendomi di vedere oltre, perché c’è molto oltre, ma il gregge non deve neanche sospettare che ci sia dell’altro.

giovedì 27 ottobre 2016

Verso una post-umanità

Seduti sul trono di Dio

VERSO UNA POST-UMANITÀ 
 Andiamo verso una post-umanità che, credendosi libera, sarà schiava delle Tenebre. E' in atto una vera e propria mutazione antropologica: il cervello e il cuore dell’uomo non funzionano più come una volta di Francesco Lamendola

Abbiamo più volte osservato come sia in atto, a causa di una serie di fattori, una vera e propria mutazione antropologica, per cui si sta creando, fra le nuove e le vecchie generazioni, un divario che è molto più grande e che è, soprattutto, qualitativamente diverso da qualunque altro possa essersi mai prodotto nelle epoche precedenti. Infatti, non solo è cambiato il modo di pensare e di sentire, ma sono cambiati i meccanismi stessi del pensare e del sentire; il cervello e il cuore dell’uomo non funzionano più come una volta: di conseguenza, qualunque tipo di comunicazione è divenuto impossibile, perché non solo il linguaggio, ma il retroterra del linguaggio – sensibilità, volontà, memoria, intelligenza, cultura – ha assunto una struttura totalmente nuova, senza più punti di contatto con quello che Stefan Zweig chiamava il mondo di ieri.

Fra non molti anni, quando gli ultimi rappresentanti dell’umanità pre-moderna saranno usciti di scena, si verificherà una situazione del tutto inedita: per la prima volta nella storia, il progresso procederà nell’ignoranza totale della tradizione, ed il nuovo verrà costruito senza più il minimo legame con il vecchio. Non ci saranno più persone in grado di leggere e capire veramente, non diciamo la Divina Commedia, ma neppure i Promessi Sposi, anzi, neppure Il cavallo rosso di Eugenio Corti, o L’Albero degli zoccoli del regista Ermanno Olmi: sarà come ripartire da zero, da una tabula rasa. Le cose del passato, anche recente, appariranno remote e incomprensibili, quanto oggi ci appaiono remote e incomprensibili le piramidi maya sprofondate nella giungla, o i templi khmer o le piramidi d’Egitto. 

Il tempo si è appiattito, la sua profondità è scomparsa: già oggi, per molti ragazzi, compresi molti studenti di liceo, non v’è differenza fra Risorgimento e Rinascimento (e, infatti, spesso li confondono), oppure fra Bach e Beethoven, per il semplice fatto che un evento passato da quattro o cinque secoli appare loro remoto e incomprensibile quanto lo è uno che sia trascorso da 200 o 150 anni. 

"Il sentimento sarà un lusso indesiderato"
Dal punto di vista psicologico, la caratteristica saliente dell’uomo e della donna posto-moderni sarà la loro quasi completa anaffettività (o sociopatia), o, quanto meno, il radicale scollamento e l’irreparabile scissione tra la sfera dei bisogni fisiologici, sesso compreso, e quella del sentimento.

Le persone capaci d’innamorarsi e di voler bene a qualcuno non ci saranno più, o, se ci saranno, saranno una razza in via di estinzione, oggetto di curiosità, se non di aperta derisione: al loro posto, verrà avanti una nuova generazione, molto pragmatica e operativa, per la quale il sentimento sarà un lusso indesiderato o una pietra d’inciampo, la quale cercherà la soddisfazione pratica dei suoi bisogni e che troverà un qualche modus vivendi con gli altri, sulla base del solo interesse. A forza di essere negletto, disprezzato e giudicato scomodo e pericoloso, il sentimento finirà per appassire e morire: le nuove generazioni non ne avranno più bisogno, e rivolgeranno ogni loro attenzione e interesse al soddisfacimento dei bisogni e alla messa a punto di una tecnologia sempre più sofisticata, capace di offrire, magari in forma virtuale, qualsiasi tipo di realtà, di esperienza, di situazione, compreso l’eventuale sfizio di provare quel che prova un innamorato, indossando un apposito kit elettronico e divertendosi un poco, come oggi fanno i bambini con un qualsiasi gioco elettronico, ad esempio “pilotando” un’automobile da corsa sul circuito d’Indianapolis.

Naturalmente, sarà una umanità priva di senso etico, perché il sentimento è un ausilio fondamentale per lo sviluppo del senso morale; la compassione, ad esempio, nasce dalla naturale simpatia verso chi soffre, così come la giustizia si accende nel cuore di chi assiste ad una ingiustizia, e vorrebbe rimediarvi. Infatti, se il sentimento si atrofizza e muore, scompare anche il giudizio di valore, che è ciò che ci fa ritenere buona una cosa, e cattiva un’altra; giusta un cosa, e un’altra sbagliata. Senza il sentimento, le cose non sono più giuste o sbagliate, buone o cattive, ma solo utili o dannose.
Ha osservato il sociologo tedesco Falko Blask nel suo saggio Q come caos (titolo originale: Ich willsprass, Munchen, Wilhelm Heyne Verlag, 1996; traduzione dal tedesco di Rita Recalcati e Franco Forte, Milano, Marco Tropea Editore, 1997, pp. 10-12):

"Conoscono la differenza fra bene e male, e se ne fregano".

Così, uno psichiatra perplesso, mentre commenta il viaggio all'inferno di Mickey Mallory nel film carneficina di Oliver Stone "Natural Born Killers", pronuncia il nuovo credo di un'intera generazione. Il tempo di raggiungere l'acme e la Generazione X, con la sua religione di rassegnata autocommiserazione, è rapidamente tramontata. L'ostinato rimuginare su problemi all'apparenza più essenziali delle prosaiche preoccupazioni che affliggono i tanto disprezzati conformisti ha fatto il suo tempo. La solita crisi di senso di fine secolo oggi non suscita più le tradizionali reazioni: protesta caparbia o incondizionato adeguamento. Insomma, al di là del taumaturgico ottimismo high-tech e della restaurazione neohippie, un numero sempre maggiore di giovani preferisce impegnarsi in un progetto di vita che, quanto a radicalità, supera di gran lunga i tentativi poco convinti di uno autogestione al passo con i temi della società del caos. Cavalcano il fattore Q. Q, il semidio che vive nel "Continuum", l'universo parallelo della serie "Star Trek", fa da padrino a questo nuovo principio di piacere: un buffone cosmico, fantasioso ed egocentrico, che rappresenta l'incarnazione ideale del mascalzone privo di scrupoli, ma equanime, al di là del bene e del male.

Negli anni Novanta non usa più tirare bilanci morali, ci si dedica piuttosto a perfezionare il piacere egocentrico dell'avventura. Passata l'era dell'edonismo, è arrivata quella dei sentimenti simulati. La lotta per la sopravvivenza ha ormai travolto ogni argine morale e infuria senza più limiti artificiosi. L'arbitrio assoluto e l'imprevedibilità sono i veri principi di vita di quest'epoca. Nella società dello spettacolo cresce una serena indifferenza verso tutte le relazioni sociali, e si affermano forze completamente nuove. Dopo la fuggevole apparizione di una riciclata "lost generation", ora è il momento della rivolta dei sociopatici, pronti a gettarsi con assurdo ottimismo nella mischia delle relazioni interpersonali. Vivono fino in fondo il culto dell'ego con una mentalità senza scrupoli: ovvero il fattore Q. Sono scampati a tutte le regole sociali e si sono lasciati alle spalle gli ultimi residui di morale.

Nel romanzo "Blue Belle", lo scrittore americano Andrew Vachss descrive con precisione il sociopatico: è uno che "segue solo i propri pensieri, procede per la sua strada. Avverte solo il proprio dolore. Siiii. Non è forse la via giusta per sopravvivere in questo letamaio? Aspetta il tuo momento, abbassa la visiera. Non lasciare che ti leggano nel cuore".

mercoledì 26 ottobre 2016

La “nuova agenda universale” per l’umanità dell’ONU


Quando mai i governi hanno dato dimostrazione di interesse verso i rispettivi popoli? Quando mai ne hanno tenuto a cuore il benessere? Quando mai hanno veramente ripudiato le guerre e agito in pace e per la pace?
Non è mai successo, o almeno non che io ricordi, visto e considerato che i governi non sono stati instituiti per il “favore” dei popoli, ma per ad esclusivo utilizzo dei controllori che occultandosi all’ombra dei essi hanno sempre ed in ogni modo “calpestato” i propri cittadini.

Considerate tali evidenze lampanti anche ai più ottusi sostenitori di un sistema deleterio chiamato società, appare quanto mai sospetto che i governi, le Nazioni Unite, abbiamo sostenuto con sentita partecipazione un piano globale per l’umanità.

Se ciò non dovesse bastare a favore di questa “nuova agenda universale” per l’umanità è accorso niente popò dimeno che il papa in persona e allora forse sarà la volta buona che i governi vogliano veramente giungere ad un accordo per una vita migliore?
Sarebbe vero solo se il papa facesse sul serio gli interessi delle sue “pecorelle” e purtroppo anche in questo frangente gli obbiettivi reali non sono affatto buoni, anzi addirittura peggiori di quelli che i governi hanno serbato per i propri popoli sino ad oggi.

Ciò posto il quadro appare quindi completo, ci sono tutti, o quasi, i “buoni” e il piano per l’umanità, come tutte le altre loro iniziative altro non è che un inganno.

Come ogni inganno che si rispetti gli obbiettivi dichiarati sono tutt’altro rispetto a quelli che verranno realmente perseguiti, solo stando molto attenti si può leggere tra le righe i reali obbiettivi, cioè quelli dell’”agenda 2030” rivisitati in chiave umanitaria, tanto per darla a bere al solito popolo che ancora una volta sta lì a sperare in una vita migliore, facendo il gioco dei governi fantocci.

Ecco la nuova agenda universale per l’umanità per come è stata presentata e la sua traduzione nei fatti che saranno in pratica attuati; direttamente dal sito Antimassoneria
Marcello Salas
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
 
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030. I falsi profeti e il mondo dello spettacolo in sostegno del Nuovo Ordine Mondiale


Avete sentito parlare di “obiettivi globali “? Se non ne avete sentito parlare, certamente ne sentirete parlare molto nei prossimi giorni. Il 25 settembre, le Nazioni Unite hanno lanciato una serie di 17 obiettivi ambiziosi che si prevede di poter raggiungere nel corso dei prossimi 15 anni.

Un nuovo sito web per promuovere questo piano è stato stabilito, e si può trovare cliccando qui.


Il nome ufficiale di questo nuovo piano è “l’Agenda 2030”, ma le èlite hanno deciso che avevano bisogno di qualcosa di orecchiabile per promuovere queste idee alla popolazione in generale.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato che questi nuovi “obiettivi globali” rappresentano una “nuova agenda universale” per l’umanità. Praticamente ogni nazione del pianeta ha volontariamente firmato per questo nuovo programma, a cui si dovrà attenere obtorto collo.

Alcune delle più grandi star in tutto il mondo sono state assunte per promuovere “gli obiettivi globali”. Basta controllare il video di YouTube (clicca per vedere il video)

Questo è il genere di cose che ci si aspetta da un culto religioso mondialista…

Se si vive a New York City probabilmente si è consapevoli del “Global Citizen Festival” che si è tenuto a Central Park sabato scorso alla presenza di alcuni dei più grandi nomi nel settore della musica impegnati a promuovere questi nuovi “obiettivi globali”. Di seguito vediamo come il New York Daily News d ha descritto la riunione …
“E ‘stata una festa con uno scopo. Una festa piena di vip e un appello appassionato a porre fine alla povertà hanno scosso il Great Lawn di Central Park. Più di 60.000 fan si sono riuniti sabato per la quarta edizione del Global Citizen Festival.

Nell’evento filantropico, in coincidenza con l’incontro annuale dei leader mondiali in occasione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, si sono esibiti da Beyoncé, Pearl Jam, Ed Sheeran e Coldplay”.
E non era solo l’industria del divertimento che stava promuovendo il nuovo piano delle Nazioni Unite per un mondo unito. Papa Francesco si è recato a New York per leggere il discorso che ha dato il via alla conferenza in cui è stato presentata questa nuova agenda ….

Papa Francesco ha dato il suo appoggio alla nuova agenda per lo sviluppo in un discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni affinchè i grandi del globo adottassero il piano di 17 punti, definendolo “un segno importante di speranza” in un momento molto travagliato in Medio Oriente e Africa.

Quando il primo ministro danese Lars Rasmussen ha colpito il suo martelletto per approvare la road map di sviluppo, i leader e diplomatici provenienti dai 193 Stati membri dell’ONU si sono alzati in piedi e hanno applaudito fragorosamente.
Poi, il vertice si rivolse immediatamente al vero e proprio business della riunione di tre giorni – l’attuazione degli obiettivi, che dovrebbe dai 3,5 trilioni ai 5 trilioni di dollari ogni anno (fino al 2030).
Wow.

Okay, allora dove saranno le migliaia di miliardi di dollari che sono necessari per attuare questi nuovi “obiettivi globali”
Permettetemi di darvi un suggerimento – non verranno dalle nazioni povere.

Quando si leggono questi “obiettivi globali”, molti di loro sono abbastanza buoni. Dopo tutto, chi non vorrebbe “porre fine alla fame”?
So che mi piacerebbe “porre fine alla fame” se potessi.

La chiave è quella di guardare dietro le parole e capire che cosa realmente viene detto. E ciò che realmente stanno dicendo è che le élite vogliono rafforzare il loro sogno di un sistema unipolare e senza barriere.

L’elenco che segue viene da Truthstream Media, e penso che faccia un ottimo lavoro traducendo questi nuovi “obiettivi globali” in lingua che tutti possiamo capire …

Obiettivo 1: porre fine alla povertà in tutte le sue forme in tutto il mondo
Traduzione: Banche centrali, FMI, Banca Mondiale, potere della Fed di controllare tutte le finanze, valuta di un mondo digitale in una società senza contanti

Obiettivo 2: fine della fame, raggiungere la sicurezza alimentare e il miglioramento della nutrizione e promuovere l’agricoltura sostenibile
Traduzione: OGM

Obiettivo 3: Garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età
Traduzione: la vaccinazione di massa, il Codex Alimentarius

Obiettivo 4: Garantire un’istruzione di qualità inclusivo ed equo e promuovere le opportunità di apprendimento permanente per tutti
Traduzione: la propaganda delle Nazioni Unite, il lavaggio del cervello attraverso l’istruzione obbligatoria dalla culla alla tomba

Obiettivo 5: raggiungere la parità di genere e l’empowerment tutte le donne e le ragazze
Traduzione: Il controllo della popolazione attraverso la forzata “pianificazione familiare”

Obiettivo 6: Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile delle acque e di servizi igienico-sanitari per tutti

I piani del Nuovo Ordine Mondiale denunciati nel 1969 da un insider, il Dr. Lawrence Dunegan.

I piani del Nuovo Ordine Mondiale denunciati nel 1969 da un insider, il Dr. Lawrence Dunegan.

"Quella che segue è la trascrizione ricavata da due di tre nastri inerenti al “Nuovo Sistema Mondiale”; i due nastri in questione vennero registrati nel 1988 e costituiscono i ricordi del Dr. Lawrence Dunegan riguardanti una conferenza ..." Ethan.

Quella che segue è la trascrizione ricavata da due di tre nastri inerenti al “Nuovo Sistema Mondiale”; i due nastri in questione vennero registrati nel 1988 e costituiscono i ricordi del Dr. Lawrence Dunegan riguardanti una conferenza cui egli assistette il 20 marzo 1969 nel contesto di un convegno della Pittsburgh Paediatric Society. Il conferenziere di suddetto raduno di pediatri (identificato nel terzo nastro registrato nel 1991) era il Dr. Richard Day, (foto a lato) il quale all’epoca era docente di Pediatria presso la Mount Sinai Medical School di New York; in precedenza aveva rivestito l’incarico di direttore medico della Planned Parenthood Federation of America.
Il simbolo del 33º Grado della Massoneria di Rito Scozzese: Ordo ab Chao, ossia l'ordine viene dal caos.
Uno degli scopi di questo testo è di ricordare che il Nuovo Ordine Mondiale è più di un Governo Mondiale che sopprime le sovranità nazionali. Esso è un nuovo ordine del mondo, un «novus ordo seclorum», nuovo in tutti i campi: sociale, morale, economico, politico, culturale e religioso.
Un ordine in corso di realizzazione applicando la formula massonica Ordo ab Chao: non si può arrivare al nuovo ordine se non attraverso un disordine sapientemente organizzato. 

È interessante notare che il Dott. Dunegan “ha vuotato il sacco” nel 1989. Secondo le informazioni biografiche, il Dott. Day è morto poco dopo, sempre nel 1989. Potrebbe essere una coincidenza poiché il Dott. Day era anziano quando è morto …

Il Dr. Dunegan era un ex studente del Dr. Day presso la University of Pittsburgh e, per quanto non a fondo, conosceva abbastanza bene il suo docente, che egli descrive come un insider dell’“Ordine” e, quantunque la sua memoria sia stata in un certo qual modo offuscata dal passare degli anni, il Dr. Dunegan è in grado di fornire sufficienti dettagli della conferenza, tali da consentire a qualsiasi individuo avveduto di discernere i veri obiettivi a monte delle tendenze dei nostri tempi. La trascrizione concerne un monologo reso in modo libero e colloquiale che rende meglio all’ascolto piuttosto che alla lettura.

RIPETIZIONE DEI DUE PARAGRAFI PRECEDENTI
Le trascrizioni dei nastri 1 e 2 sono state leggermente ritoccate/rivedute onde eliminare alcuni manierismi verbali e migliorare la leggibilità. La trascrizione originale non ritoccata e riveduta è reperibile tramite il seguente link. Il nastro 3 è un’intervista registrata in data 10 ottobre 1991 a Pittsburgh, Pennsylvania con il Dr. Larry Dunegan condotta dalla Dr.ssa Randy Engel (foto a lato), direttore nazionale della Coalizione degli Stati Uniti per la Vita, US Coalition for Life, nel bollettino della quale ha anche reso pubblico il testo dei nastri. E' possibile ordinare il set dei tre nastri presso il Florida Pro-family forum, P.O. Box 1059, Highland City, FL 33846-1059 (al costo di 20$).
Il libro che include la trascrizione di tutti e tre i nastri:
The New Order of Barbarians: The New World System (Inglese)
I primi due nastri, in inglese

La maggior parte di voi che legge questo è già molto bene informata su molti dei particolari che riguardano il programma diabolico per instaurare un Nuovo Ordine Mondiale. Nonostante quanto ben sappiamo, sentendo parlare del “COME” dalle parole di un affiliato ci sentiamo gelare la spina dorsale. Credo che questi nastri POTREBBERO cambiare molte vite e riportare molta altra gente alla REALTÀ di che cosa ci aspetta se non arrestiamo il processo. Ci sono molti altri milioni di NOI coinvolti oltre ai pianificatori. Gli utili idioti (useful dupes) – loro parole, non nostre – che stanno aiutando il processo che porta a NON si sa che cosa. Se lo SAPESSERO, si fermerebbero, perché SAPREBBERO che anche loro stessi saranno terminati (uccisi) o faranno parte di un ACCAMPAMENTO di SCHIAVI GLOBALE.

Degno di nota è quanto già è stato messo in atto e quanto vediamo in preparazione, questo a conferma della veridicità del documento, il tutto anche confermato da altre fonti.

Il Dr. Dugegan rivela non solo “CHE COSA” si intende fare per l’America e per tutta la popolazione mondiale, ma “COME” i controllori intendono mettere in atto il loro programma. Riguarda i soggetti come:

CONTENUTI
* ESISTONO UN POTERE, UNA FORZA O UN GRUPPO DI UOMINI CHE ORGANIZZANO E REINDIRIZZANO IL CAMBIAMENTO?
* ORA TUTTO È IN ORDINE E NESSUNO PUÓ FERMARCI
* LA POPOLAZIONE DOVRÀ ABITUARSI AL CAMBIAMENTO
* GLI OBIETTIVI REALI E GLI OBIETTIVI DICHIARATI
* CONTROLLO DEMOGRAFICO
* AUTORIZZAZIONE AD AVERE FIGLI
* REINDIRIZZARE LA FINALITÀ DEL SESSO
* CONTRACCEZIONE GLOBALMENTE DISPONIBILE PER TUTTI
* EDUCAZIONE SESSUALE COME STRUMENTO DI GOVERNO MONDIALE
* ABORTO FINANZIATO A LIVELLO FISCALE COME CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE
* FAVORIRE L’OMOSESSUALITÀ
* TECNOLOGIA
* DIMINUZIONE DELL’IMPORTANZA DELLE FAMIGLIE
* EUTANASIA E ‘PILLOLA DELLA DIPARTITA’
* LIMITARE L’ACCESSO A VISITE MEDICHE ACCESSIBILI
* PIANIFICARE IL CONTROLLO SULLA MEDICINA
* ELIMINAZIONE DEI MEDICI PRIVATI
* NUOVA DIFFICOLTÀ DI DIAGNOSI E MALATTIE INCURABILI
* SOPPRESSIONE DELLE CURE ANTICANCRO COME METODO DI CONTROLLO DEMOGRAFICO
* INDUZIONE DI ATTACCHI CARDIACI COME FORMA DI ASSASSINIO
* EDUCAZIONE COME STRUMENTO PER ACCELERARE L’INSORGENZA DELLA PUBERTÀ ED EVOLUZIONE
* FUSIONE DI TUTTE LE RELIGIONI, LE VECCHIE RELIGIONI DOVRANNO SCOMPARIRE
* MODIFICA DELLA BIBBIA TRAMITE REVISIONI DELLE PAROLE CHIAVE
* LE CHIESE CI AIUTERANNO
* RISTRUTTURAZIONE DELL’ISTRUZIONE COME METODO DI INDOTTRINAMENTO
* PIÚ TEMPO TRASCORSO A SCUOLA, MA GLI ALLIEVI NON IMPARERANNO NULLA
* CONTROLLO SU CHI HA ACCESSO ALLE INFORMAZIONI
* SCUOLE COME PERNO DELLA COMUNITÀ
* I LIBRI SCOMPARIRANNO DALLE BIBLIOTECHE
* MODIFICA DELLE LEGGI
* INCORAGGIAMENTO ALL’ABUSO DI DROGHE ONDE CREARE UN’ATMOSFERA DA GIUNGLA
* ABUSO DI ALCOLICI
* LIMITAZIONE DEI VIAGGI
* NECESSITÀ DI PIÚ CARCERI E UTILIZZO DEGLI OSPEDALI COME PRIGIONI
* FINE DELLA SICUREZZA
* CRIMINALITÀ IMPIEGATA PER GESTIRE LA SOCIETÀ
* RIDUZIONE DELLA PREMINENZA INDUSTRIALE STATUNITENSE
* SPOSTAMENTO DI POPOLAZIONI ED ECONOMIE - RIMOZIONE DELLE RADICI SOCIALI
* SPORT COME STRUMENTO DEL CAMBIAMENTO SOCIALE
* SESSO E VIOLENZA INCULCATI TRAMITE SPETTACOLI DI INTRATTENIMENTO
* LIMITAZIONI DEI VIAGGI E DOCUMENTI DI IDENTITÀ IMPIANTATI
* CONTROLLO ALIMENTARE
* CONTROLLO METEOROLOGICO
* CONOSCERE LE REAZIONI DELLA POPOLAZIONE - INDURLA A FARE QUEL CHE SI DESIDERA
* RICERCA SCIENTIFICA FALSIFICATA
* TERRORISMO
* CONTROLLO FINANZIARIO
* SORVEGLIANZA, IMPIANTI E TELEVISORI CHE VI OSSERVANO
* PROPRIETÀ DELL’ABITAZIONE COME RETAGGIO DEL PASSATO
* AVVENTO DEL SISTEMA TOTALITARIO GLOBALE

Inizia il primo nastro… Dr. Lawrence Dunegan

IL NUOVO ORDINE DEI BARBARI
ESISTE UN POTERE, UNA FORZA O UN GRUPPO DI UOMINI CHE ORGANIZZANO E REINDIRIZZANO IL CAMBIAMENTO ?
Molto è stato scritto e detto da alcuni individui i quali hanno osservato tutti i cambiamenti avvenuti nella società statunitense nel corso dell’ultimo ventennio nonché, retrospettivamente, la precedente storia degli Stati Uniti e, naturalmente, del mondo, quindi sono giunti alla conclusione che esiste una cosiddetta cospirazione che influenza, invero controlla, i principali eventi storici non solo negli Stati Uniti ma anche nel resto del mondo.

Tale interpretazione complottista della storia si basa su osservazioni effettuate dall’esterno da alcuni soggetti i quali hanno raccolto prove e tratto la conclusione che, per l’appunto dall’esterno, intravedono una cospirazione; le loro prove e conclusioni si fondano su riscontri desunti in retrospettiva. Intendo ora descrivere quanto mi è capitato di ascoltare da un oratore nel 1969, vale dire quasi un ventennio fa. L’oratore in questione non parlava in termini di retrospettiva ma, piuttosto, prediceva cambiamenti che sarebbero stati determinati in futuro; costui non osservava dall’esterno verso l’interno, convinto di individuare una cospirazione, ma, invece, si trovava egli stesso all’interno, ammettendo che invero esistevano un potere, una forza, un gruppo di uomini che esercitavano un’influenza sufficiente a determinare eventi di primaria importanza implicanti nazioni di varie parti del mondo. Inoltre prediceva, o per meglio dire esponeva, cambiamenti pianificati per la parte restante di questo secolo. Se ascoltando riuscite a rammentare, almeno per quanto riguarda gli Stati Uniti, la situazione nel 1969 e negli anni immediatamente successivi e quindi ricordare i cambiamenti avvenuti da allora ai giorni nostri, a distanza di quasi vent’anni, sono convinto che rimarrete colpiti dal grado in cui le circostanze che secondo quanto pianificato si sarebbero dovute presentare siano già state realizzate. La realizzazione di alcuni degli eventi esaminati non era prevista entro il 1988 [nota: l’anno di questa registrazione], bensì entro la fine del secolo. Esiste una tabella di marcia e durante quella sessione accadde che ne venissero enunciati alcuni elementi.

Chiunque rammenti i primi tempi della campagna di Kennedy ricorderà che egli parlava del progresso nel decennio degli anni Sessanta: all’epoca era una sorta di cliché - “il decennio dei Sessanta”. Bene, nel 1969 il nostro oratore parlava degli anni Settanta, Ottanta e Novanta. Prima di quel periodo non ricordo nessuno che parlasse del “decennio degli anni Quaranta o Cinquanta, quindi ritengo che il piano e la tabella di marcia complessivi avessero assunto una forma rilevante verso la fine degli anni Cinquanta. Si tratta di una mia ipotesi. In ogni caso, l’oratore disse che il suo scopo era erudirci sui cambiamenti che sarebbero stati apportati nel successivo trentennio, cosicché prima del volgere del secolo sarebbe stato operativo un nuovo sistema su scala mondiale. Come riferito da costui, “Progettiamo di addentrarci nel ventunesimo secolo con una partenza lanciata.”

ORA TUTTO È IN ORDINE E NESSUNO PUÓ FERMARCI
Mentre ascoltavamo quel che era in procinto di presentare, l’oratore disse “Alcuni fra voi penseranno che io stia parlando del Comunismo; bene, quello a cui mi riferisco è assai più importante del Comunismo!” All’epoca egli fece notare che fra Est e Ovest esiste molta più collaborazione di quanto comunemente compreso. Nelle note introduttive commentò che in quel momento era libero di parlare e che solo alcuni anni addietro non gli sarebbe stato concesso di esprimere quanto stava per esporre. In quel periodo era libero di parlare poiché a quel punto, citando le sue parole, “ora tutto è in ordine e nessuno può fermarci”. Proseguì affermando che i più non comprendono il modo di operare dei governi e persino individui che ricoprono alte cariche nei governi, compreso il nostro, non capiscono davvero come e dove si prendono le decisioni. Disse che coloro che esercitano realmente un’influenza sulle decisioni rispondono in gran parte a nomi familiari alla maggior parte di noi, ma che non avrebbe usato nominativi di individui o nomi di qualsivoglia organizzazione specifica. Se, tuttavia, lo avesse fatto, in massima parte i nominativi in questione sarebbero risultati noti all’uditorio nel suo complesso. Continuò dicendo che principalmente non si trattava di soggetti che ricoprivano cariche pubbliche, bensì di individui importanti noti per le loro occupazioni o incarichi privati.

L’oratore era il Dr. Richard Day, medico nonché docente presso una grande università della zona orientale del paese, e si rivolgeva a un gruppo di circa un’ottantina di medici. Probabilmente il suo nome non dirà nulla a chiunque ascolti questo nastro, la cui registrazione ha come unico scopo l’eventualità di fornire a coloro che lo ascoltano una prospettiva in merito ai cambiamenti già apportati nell’ultimo ventennio nonché un’anticipazione di quanto alcuni di costoro stanno pianificando per la parte restante di questo secolo, in modo da entrare nel ventunesimo secolo confortati da una partenza lanciata. Alcuni di voi potrebbero non entrare in quel secolo. Il suo scopo nell’informare il nostro gruppo in merito ai cambiamenti in procinto di realizzazione era rendere a noi più agevole adattarci a essi. Invero, come sottolineò con precisione, “si sarebbe trattato di cambiamenti assai sorprendenti e, in alcuni casi, difficili da accettare per la popolazione” e confidava che, in veste di suoi ‘amici’, noi avremmo reso l’adattamento più agevole se avessimo in qualche modo saputo in anticipo cosa aspettarci.

LA POPOLAZIONE DOVRÀ ABITUARSI AL CAMBIAMENTO
Nelle note introduttive insistette sul fatto che nessuno dovesse disporre di un registratore né prendesse appunti; una tale pretesa rivolta da un professore al suo uditorio era cosa assai inconsueta. Qualcosa, nelle sue note, suggeriva che se si fosse venuto a sapere che aveva, per così dire, vuotato il sacco, egli avrebbe potuto subire ripercussioni negative. Quando inizialmente sentii tale affermazione pensai che forse si trattava di una specie di autocelebrazione, di un individuo che esaltava la propria importanza. Tuttavia, con il susseguirsi delle rivelazioni, cominciai a comprendere il motivo di sue eventuali premure in merito a evitare un’ampia diffusione di quanto veniva esposto, nonostante la natura pubblica della tribuna nel cui contesto parlava. Nondimeno, chiese che non venissero presi appunti né impiegati registratori, a indicare che se tali rivelazioni avessero avuto ampia eco pubblica egli avrebbe potuto correre qualche rischio personale.

Ancora una volta, mentre le note si susseguivano e udivo le scandalose questioni esposte, mi risolsi a cercare di ricordare quanto più possibile di quello che Day diceva e di collegare i miei ricordi a semplici eventi circostanti nel caso decidessi di fare quanto sto facendo ora – registrare questo nastro. Intendevo altresì provare a mantenere una prospettiva su quello che si sarebbe sviluppato, se invero avrebbe seguito lo schema prefigurato – come è accaduto! A questo punto, onde evitare di scordare di inserirle in seguito, includerò alcune dichiarazioni rese di volta in volta nel corso della presentazione. Una di queste aveva a che vedere con il cambiamento. Tale dichiarazione recitava “La popolazione dovrà abituarsi all’idea di cambiamento, dovrà essere talmente avvezza al cambiamento da aspettarselo. Nulla avrà un carattere permanente.” Questo si è spesso manifestato nel contesto di una società in cui gli individui sembravano non avere radici od ormeggi, ma risultavano passivamente disposti ad accettare il cambiamento per il semplice fatto che era tutto quello che avessero mai conosciuto, in contrasto con generazioni di persone, sino al periodo attuale, nel cui ambito ci si aspettava che determinate cose accadessero e si mantenessero stabili come punto di riferimento della propria esistenza.

Quindi il cambiamento era in procinto di essere determinato, doveva essere anticipato e atteso, accettato, senza porre domande. Un altro commento che fece capolino nel corso della presentazione fu “Le persone sono troppo fiduciose, non pongono le giuste domande.” A volte essere troppo fiduciosi veniva equiparato a essere troppo ottusi. Talora, tuttavia, quando Day affermava che “Le persone non pongono le giuste domande” lo faceva quasi con un tono di rammarico, come se si trovasse a disagio nel contesto di cui faceva parte, e desiderasse che la gente lo mettesse in discussione e magari non fosse così fiduciosa.

GLI OBIETTIVI REALI E GLI OBIETTIVI DICHIARATI

Lo scienziato dr. Michio Kaku, ammette il ‘controllo meteo-climatico’ del governo alla CBS news

LO SCIENZIATO DR. MICHIO KAKU, AMMETTE IL ‘ CONTROLLO METEO-CLIMATICO’ DEL GOVERNO ALLA CBS NEWS

Geo-ingegneria, un termine per descrivere l’intervento intenzionale e su larga scala nel sistema climatico della terra. 10 anni fa il concetto di scie chimiche e modificazione del clima è stato liquidato come una congiura, ora sta diventando sempre più una realtà, ogni giorno.

Abbiamo coperto la realtà della geoingegneria in modo approfondito nel corso degli anni, portando avanti le (dis)informazioni da addetti ai lavori, informatori e scienziati, parlando del problema.
Ma oggi c’è ancora di più per noi da prendere in considerazione. I nostri amici oltre a Intellihub segnalati di recente: in una clip recentemente mandata in onda sulla CBS, il fisico Dr. Michio Kaku parla di esperimenti che gli scienziati hanno fatto con la modificazione del clima. Gli esperimenti che egli discute suonano stranamente simile a ciò che sappiamo circa l’impianto HAARP in Alaska. Questi esperimenti sembrano operare nello stesso modo, sparando laser e nanoparticelle verso il cielo.
Più tardi nella conversazione, Michio Kaku parla della profonda opera di modificazione del clima che è stato svolto dai governi per decenni. Molto rapidamente il personale CBS lo interruppe per sottolineare che il governo è coinvolto nella modificazione del clima, è solo “presunto”. (servi zerbini )
https://www.youtube.com/watch?v=l0z7JOxQaO0

Controlling The Weather, Is It Possible(video)

In una nuova ricerca pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences , il professor Lupo Kasparian ha detto che i raggi laser creano canali di plasma in aria che causano la formazione di ghiaccio.
Egli ha detto: “Nelle condizioni di una tipica nube di tempesta, in cui il ghiaccio è super raffreddato, convivono acqua e nessuna influenza diretta è dovuta dai canali di plasma, sui processi di formazione di ghiaccio o di precipitazione che potrebbe essere rilevato.
“In condizioni tipiche per sottili nuvole di ghiaccio, cirri, tuttavia, i canali di plasma indotto hanno un sorprendente effetto di moltiplicatore del ghiaccio.
“In pochi minuti, l’azione del laser ha portato ad un forte miglioramento del totale delle particelle di ghiaccio, densità numerica nella camera fino ad un fattore 100, anche se solo su una frazione 10-9 del volume della camera è esposto ai canali di plasma .
“Le particelle di ghiaccio neoformate hanno rapidamente ridotto la pressione del vapore acqueo a saturazione ghiaccio, aumentando così lo spessore ottico della nuvola fino a tre ordini di grandezza.”
Inoltre, l’anno scorso abbiamo riportato che un servizio meteo leader, sta segnalando che il governo degli Stati Uniti sta aprendo al pubblico, lo studio di registrazione in tempo reale della modifica della Geo-ingegneria. (tutti mutti qui)

Modificazione climatica e Geoingegneria sono entrambi argomenti tabù per la maggior parte delle persone, con molti a credere che non esistono tali programmi. Nonostante le montagne di prove prodotte dagli informatori e ricercatori indipendenti, la modificazione del clima è troppo folle per alcune persone da credere.
Il governo è stato chiamato in causa, ma raramente lo ammetteno e si rifiutano di intrattenere qualsiasi discussione sull’argomento. I mezzi di comunicazione sono stati complici nel mantenere la maggior parte delle persone nell’ incredulità, sulla modificazione climatica e sulla Geo-ingegneria.

 

Innovativa idea sulla Geo-ingegneria

Dr. Marvin Herndon, PhD, un chimico nucleare e geochimico. Più noto per sostenere che la composizione del nucleo dell’interno della Terra, è composto da silicio di nichel, e non di  metallo, nichel e ferro parzialmente cristallizzato. Ha pubblicato un documento innovativo nel peer -reviewed, rivista  del Current Science  (Accademia delle Scienze indiana) dal titolo “avvelenamento da alluminio della umanità e della biosfera della terra, per attività di geoingegneria clandestina: implicazioni per l’India.”
L’abstract è formulato come segue:
“In risposta a una chiamata urgente attraverso un articolo su Science, è stato arduo far capire l’associazione tra, disastri geologici e l’ alta quantità di alluminio trovata, e delle gravi ripercussioni che hanno sulla salute umana nella pianura alluvionale, e descrive le prove di attività di Geoingegneria clandestina che si è verificato per almeno 15 anni, e che è aumentata notevolmente negli ultimi due anni. L’attività di geoingegneria tramite aerei militari ed aviazione civile, specie quest’ ultima, col rilascio di sostanze tossiche nell’atmosfera della Terra, dimostrando che l’acqua piovana è piena di alluminio e bario. Inoltre ha provato che le sostanze tossiche, derivano dalla combustione degli aviomobili. La dispersione clandestina di ceneri leggere e la dispersione di alluminio, sono alla base dell’aumento diffuso e pronunciato di malattie neurologiche, così come lo è l’ indebolimento della biosfera della Terra. Ulteriori studi si stanno svolgendo, per verificare se le prove presentate fin qui, sono la vera causa della alluvione della pianura del Ganga. “ ( Fonte ) ( fonte )
Il documento continua a discutere e citare pubblicazioni, che hanno rilevato metalli pesanti come l’alluminio, bario, stronzio, nell’ acqua piovana, ceneri e altro ancora. Ad esempio, nel periodo compreso tra il luglio 2011 ed il novembre 2012, 73 campioni di acqua piovana sono stati raccolti e analizzati per l’alluminio e il bario; 71 sono stati raccolti da 60 diversi sedi in Germania, 1 dalla Francia, e 1 dall’Austria. L’ Alluminio è stato rilevato nel 77% dei campioni di acqua piovana, e vi era anche una concentrazione molto elevata di bario ed una concentrazione molto elevata di stronzio.
Si discute anche di come queste concentrazioni di metalli non sono il risultato di fenomeni naturali, come le esplosioni vulcaniche, per esempio.

Questa non è l’unica pubblicazione innovativa recente che proviene dal mondo accademico per quanto riguarda questo fenomeno. . Qualche mese fa, il Dr. Rose Cairns, PhD, che appartiene alla Università di Leeds School of Earth and Ambient, ha pubblicato un documento nel peer-reviewed, Geophysical Journal dal titolo ” Clima di sospetti: narrazioni del complotto delle ‘scie chimiche’ e la politica internazionale sulla geoingegneria. “ Svolge anche attualmente, attività di ricerca del governo sulla geoingegneria, come parte di un progetto di collaborazione multidisciplinare tra Sussex University, UCL, e dell’Università di Oxford (http://geoengineering-governance-research.org ). Il progetto prende in esame le implicazioni sociali, etiche, politiche e sulle proposte di geoingegneria del clima. ( Fonte )
Nel suo documento, descrive gli sviluppi nel discorso tradizionale accademico e politico per quanto riguarda la geoingegneria, e come la modifica del clima, anche in discussione da parte dei cittadini del mondo (che usano il termine “scie chimiche”), STA AVENDO EFFETTI ECOLOGICI E SANITARI, DEVASTANTI IN TUTTO IL MONDO. Secondo la sua carta:

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...